HOME AZIENDA PRODOTTI PORTFOLIO NEWS EDUCATIONAL CONTATTI RMA registrati  |  login
Home > News >
     
Torna a Outline
 
Outline e Powersoft insieme per Rockin’1000
Dopo i successi presso lo Stade De France a Parigi e l’Arena Commerzbank di Francoforte, Rockin’1000 atterra a Milano con due ospiti speciali: Manuel Agnelli degli Afterhours e i Subsonica. Un percorso cominciato il 26 luglio 2015 a Cesena, dove la band formata da 1.000 musicisti suonò Learn to Fly, nel tentativo di convincere il frontman dei Foo Fighters Dave Grohl ad esibirsi dal vivo in Italia. Da allora, i Mille organizzano concerti in tutto il mondo, fino alla recente esibizione all’interno dell’aeroporto di Milano-Linate recentemente rinnovato, dove era presente un sistema di amplificazione composto da moduli GTO di Outline e amplificatori della serie K e X di Powersoft. Una combinazione che si è dimostrata estremamente efficace già dallo show di Firenze nel 2018.
Outline e Powersoft insieme per Rockin’1000
L’intero sistema è stato fornito da tre rental, tutte appartenenti alla rete di noleggio italiana ed europea di Outline e Powersoft: Gigant Sound (Pozna?, Polonia), Emporio On Stage (Scandicci, Firenze) e Show Technologies (Recco, Genova). Per garantire una copertura uniforme in tutta l’area, erano necessari 100 moduli GTO di Outline e 72 sub DBS 18-2 di Outline. Presenti inoltre 14 Outline Vegas 12 CX impiegati come point-source e altri 6 Outline Vegas 15 CX per il monitoraggio sul palco.

L’intero sistema live era gestito da 101 amplificatori Powersoft, posizionati strategicamente in tutta la location e che hanno garantito affidabilità, potenza e prestazioni audio impeccabili. Il team tecnico ha scelto 73 K10DSP AESOP per il sistema principale, 23 K20DSP AESOP per i sub e 5 X8 Dante per il fold-back, le comunicazioni con i Mille e il monitoraggio sul palco.

Nel corso degli anni, la serie K è divenuta uno standard nell’amplificazione in modalità switch, capace di fornire potenza a fronte di un peso contenuto e massima efficienza e che, come per la serie X, integra una grande quantità di funzionalità generalmente presenti solo in unità esterne separate. Inoltre il prodotto più in voga nell’elaborazione globale dei sistemi negli ultimi due anni è stato Newton di Outline, considerato un processore audio FPGA avanzato ed innovativo. Newton (in attesa di brevetto) è capace di combinare la gestione del segnale digitale, la nuovissima tecnologia di filtraggio WFIR (in attesa di brevetto), il routing del segnale audio multiformato e la conversione degli standard, in un singolo chassis 1RU e combinandolo con un controllo semplice ed intuitivo.
Lo show
“Le maggiori sfide quando si amplifica il Rockin’1000 sono la spazializzazione e l’alto contenuto armonico”, ha dichiarato l’ingegnere FOH, Luca Stefani. “La gestione di questo è stato uno dei problemi più complessi che abbiamo affrontato sin dai primi spettacoli con la band. In primo luogo abbiamo un’area larga circa 100m x 50m di profondità con 1.000 diverse sorgenti sonore. Le tecnologie già presenti sul mercato non sono state in grado di gestire questo problema, quindi abbiamo dovuto creare un modo diverso di organizzare il PA e un modo diverso di distribuire i segnali“.

All’aeroporto di Milano-Linate, sono stati installati 10 gruppi di altoparlanti per un totale di 6 torri. Ogni area del pubblico, compresi i lati, era coperta da almeno 2 gruppi; uno a sinistra e uno a destra. Per ognuno di questi cluster è stato creato un mix dedicato di segnali diversi che rappresentava il suono acustico proveniente dai 1.000 musicisti. I sub DBS 18-2 sono stati posizionati in configurazione end-fire ai piedi di ciascuna torre e tra di esse. Anche in questo caso, ogni blocco secondario è stato gestito con un segnale dedicato per consentire all’ingegnere del suono di decidere il contenuto musicale da riprodurre.

Stefani ha dichiarato: “La nostra priorità era chiara sin dall’inizio: non dovevano esistere aree considerate inferiori o meno importanti in termini di copertura o qualità del suono. Ogni spettatore deve essere in grado di percepire una fonte sonora paragonabile a quella fisicamente presente. Per poterlo fare, la quantità di moduli utilizzati era elevata.”

Numeri elevati anche per quanto riguarda connessioni e trasporti, con 22 segnali Dante separati (10 per gli array e 12 per i sub) verso il FOH. Giulio Gandini, System engineer di Outline spiega il complesso sistema di collegamenti: “Abbiamo deciso di utilizzare 4 Newton come convertitori Dante/Analogico e di aggiungere un ulteriore livello di elaborazione. Questo ci ha permesso di “colorare” l’intero sistema in base alle esigenze dei tecnici del suono. Nell’area del palco avevamo due switch su Dante, uno per il primario e un altro per il secondario. Da qui, tramite una connessione “a stella”, siamo andati a ciascun Newton con due cavi Ethernet. Ciò ha garantito un elevato livello di stabilità in caso di problemi. Ogni Newton, con due alimentatori indipendenti, era collegato a due diverse linee elettriche per garantire una maggiore sicurezza. “

Le uscite analogiche di Newton erano collegate direttamente agli amplificatori, mentre un’ulteriore linea Ethernet proveniente dal banco principale collegava gli amplificatori alla rete, consentendo di sfruttare le possibilità di controllo remoto di Powersoft Armonìa.
Ciò è stato particolarmente utile durante il setup, come ha spiegato Paolo Calza, PA Manager per Outline. “La messa a punto non ha richiesto più di un’ora. Il controllo remoto degli amplificatori Powersoft K ci ha permesso di gestire l’intero sistema in modo molto preciso e dettagliato”, ha affermato. “Il toning è stato eseguito con i quattro Newton impiegati per distribuire i segnali sulle torri e, allo stesso tempo, convertire i segnali da Dante in analogico e AES/EBU. Ciò significa che avevamo un backup anche sull’ultima sezione della catena di distribuzione “.

Gandini ha inoltre dichiarato: “È uno spettacolo unico e grandioso a cui abbiamo avuto l’opportunità e la fortuna di partecipare, il cui risultato finale è stato possibile grazie alla collaborazione di molti professionisti. Trasmettere l’energia di 1000 persone che suonano insieme non è una cosa facile, ma la cooperazione tra le parti coinvolte e l’uso di tecnologie adeguate sono stati la chiave per ottenere un risultato eccellente.”

Nonostante le sfide e la complessità insite in un tale evento, il sound designer Francesco Penolazzi era fiducioso che lo spettacolo dell’aeroporto di Milano-Linate fosse il più bello fino ad oggi. “È stata un’esperienza fantastica e non sarebbe stata possibile senza un team così straordinario. Considero tutti coloro che hanno partecipato alla realizzazione di questo evento, prima di tutto, grandi professionisti ma, soprattutto, persone fantastiche. Ancora una volta, hanno mostrato la loro passione, dando alla mia semplice intuizione quel qualcosa in più. Parlare del progetto purtroppo non rende giustizia; se vuoi davvero capire uno spettacolo di Rockin’1000, devi venire sul campo e ascoltare! “

Info: www.outline.it

Galleria Fotografica
       
Home > News >
Audio Effetti Srl
Via A. Manuzio, 57A - 16143 Genova (GE) Italia
Tel: +39 010 5451202 | Fax: +39 02 700435761
P.IVA: 01241200995

Home  |  Azienda  |  Prodotti  |  Portfolio  |  News  |  Contatti  |  Privacy

     
I dati, i documenti, i files e le informazioni contenute in questo sito web sono forniti a solo scopo informativo. Sebbene i contenuti del presente sito siano curati con la massima scrupolosità, né Audio Effetti Srl, né i suoi content providers (fornitori di contenuti), né i suoi collaboratori potranno essere considerati responsabili di eventuali errori o lacune nei contenuti del presente sito, o di danni diretti, indiretti, consequenziali o di qualsiasi altro tipo di danno in ogni modo connesso all'utilizzo del presente sito web o delle funzionalità contenute in esso. I contenuti possono essere oggetto di aggiornamento e/o miglioramento senza preavviso e senza una periodicità prestabilita. Audio Effetti Srl declina ogni responsabilità per i contenuti dei siti terzi ai quali i links (collegamenti) del presente sito possono rimandare. I links esterni sono forniti ai soli fini pratici e ciò non è in alcun modo da ritenersi approvazione del contenuto di detti siti terzi e neppure garanzia del loro aggiornamento o della loro adeguatezza.